fbpx
absolutegamer

Questo maestro di Baldur’s Gate 3 ha battuto senza problemi il capitolo più difficile del gdr alla difficoltà più elevata, con un cocktail di incantesimi di D&D

Il momento più difficile di Baldur’s Gate 3il momento più difficile di Baldur’s Gate 3 era ritenuto quasi impossibile da portare a termine in modo impeccabile, ma un giocatore è riuscito a farlo alla difficoltà più difficile del gioco, utilizzando una vasta gamma degli incantesimi più veloci di D&D.

Questo articolo contiene spoiler sul terzo atto di Baldur’s Gate 3.

Il Trono di Ferro potrebbe essere la mia scena preferita di Baldur’s Gate 3. Quando Quando mi ci sono imbattuto dopo 60 ore di gioco, ha cambiato la mia intera prospettiva sul gioco. Si tratta di una prigione sottomarina piena di persone innocenti che vengono usate come leva per far sì che i loro cari, che lavorano in una fabbrica sulla costa, siano costretti a lavorare di più. Quando arrivi lì, il fondatore della prigione, il cattivo di Baldur’s Gate Enver Gortash, dice che la distruggerà per evitare che tutte queste informazioni vengano alla luce.

Ne segue una corsa disperata: hai sei turni per salvare quanti più prigionieri possibile e poi fuggire dal Trono prima che ti crolli addosso. Quando l’ho affrontato, alla fine ho salvato circa la metà dei prigionieri e, ad essere sincero, ero piuttosto soddisfatto di me stesso.

In un recente post su Reddit, però, un giocatore ha messo in crisi i miei sforzi e, a quanto pare, quelli di gran parte della comunità. L’utente SirMcCarthy ha mostrato uno screenshot in cui è riuscito a salvare letteralmente tutti i prigionieri della base, per di più a difficoltà Tattico. Nella difficoltà più difficile di Baldur’s Gate 3, non solo hai meno salute e più danni nemici da affrontare, ma devi anche fuggire dal Trono in cinque turni invece che in sei. Da tutte le informazioni reperite online, questa impresa era praticamente irraggiungibile: “tutti continuavano a parlare di quanto fosse impossibile in sei turni…”

Tuttavia, questo genio di D&D non si è lasciato scoraggiare e ha deciso di determinare la propria strategia. Con un gruppo composto dal loro Bardo insieme a Gale, Karlach e Jaheira, hanno aggiunto anche Scratch, Noi, un Mirmidonte d’Acqua e un Essere dei Boschi per aumentare i numeri. In un campo sfacciato, prima che il set-piece potesse davvero iniziare, Jaheira e Shadowheart hanno lanciato Longstrider e Freedom of Movement su tutto il party; il primo ha offerto a tutti dieci velocità di movimento in più, mentre il secondo impedisce ai personaggi di essere rallentati da terreni difficili o trattenuti – fondamentale per i segmenti di acqua profonda delle mappe e per gli attacchi a rete che alcune guardie della prigione lanciano.

Questi personaggi erano tutti molto agili, ma la preparazione non era ancora finita. Jaheira e il Bardo hanno anche lanciato Haste su se stessi, raddoppiando la loro velocità di movimento già potenziata. Per completare il tutto, tutti i personaggi tranne Karlach avevano una qualche forma di teletrasporto sotto forma di incantesimi Porta Dimensionale o Passo Nebbioso.

SirMcCarthy afferma che “la parte più importante” della loro impeccabile vittoria è stata ottenuta grazie a uno degli incantesimi più potenti di Baldur’s Gate 3. Nella Torre di Lorroakan, i giocatori con le dita particolarmente leggere potrebbero trovare una pergamena chiamata Artistry of War. Si pensa che sia una versione migliorata del Missile Magico, un incantesimo che ho già usato per battere Baldur’s Gate 3 per sconfiggere il boss più difficile di Baldur’s Gate 3 – L’Arte della Guerra evoca sei apparizioni che colpiscono fino a sei bersagli con ingenti danni da Forza. Con Gale nel party, SirMcCarthy è stato in grado di trascrivere Artistry of War dalla pergamena, consentendo al mago di lanciarlo ogni volta che vuole.

Usando il nuovo incantesimo per “annientare” le guardie con la rete che avrebbero impedito ai prigionieri di fuggire, Gale ha anche usato Cancello Arcano per creare un portale che ha permesso ai Gondiani in fuga nella sua sezione della prigione di saltare gran parte del percorso di fuga, portandoli al sicuro molto più velocemente di quanto avrebbero potuto fare le loro piccole gambe. Alla fine, tutti sono riusciti a fuggire con “tempo a disposizione”, un’impresa davvero notevole in un livello di difficoltà che già riduce il numero di turni disponibili.

In risposta a questi sforzi, altri giocatori stanno condividendo le loro strategie e le loro scoperte sul Trono di Spade, dalla pianificazione delle convocazioni di altri PNG all’utilizzo di Karlach per portare in salvo i Gondiani se non sono stati abbastanza veloci da uscire da soli. Potrebbe essere una via di fuga poco dignitosa, ma se fa la differenza tra la vita e una morte acquatica, non è poi così male.

Il gauntlet  finale di Baldur’s Gate 3 è difficile quasi quanto il Trono di Ferro.

Leggi di più su www.gamesradar.com